Alatri – Le mura megalitiche ambiscono al riconoscimento Unesco | TG24.info
Aggiornato alle: 08:00 di Lunedi 20 Settembre 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Alatri –  Le mura megalitiche ambiscono al riconoscimento Unesco

 ULTIME NOTIZIE
Alatri –  Le mura megalitiche ambiscono al riconoscimento Unesco
14 Settembre
15:00 2021

 

 

 

Fissata per il 20 settembre prossimo alle ore 10.30 la conferenza stampa per la presentazione degli atti del Settimo Seminario internazionale sulle Mura Megalitiche che si è svolto a fine 2019. Proprio questi lavori, lanciano il progetto ambizioso che potrebbe portare all’ambito riconoscimento da parte dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura

Ma non c’è solo Alatri. L’iniziativa, infatti, vista la portata internazionale che riveste, vede coinvolte altre città che posseggono mura di tipo poligonale, in primis la città di Amelia in Umbria, a cui si sono già affiancate Orbetello in Toscana, Alba Fucens in Abruzzo, S. Pietro Infine in Campania e Pietrabbondante in Molise.

Successivamente i comuni capofila coinvolgeranno numerose città che in Ciociaria, nel Lazio, in tutta Italia e persino in Grecia, vantano opere antichissime come l’Acropoli di Alatri, ormai datate con discreta precisione tra il sesto e il terzo secolo a.C. Per poter arrivare al risultato sperato, ovvero il riconoscimento come patrimonio dell’Umanità, c’è la necessità di unire le forze, visto che il processo e l’iter sono molto lunghi, complessi e onerosi. Il primo passo di questo cammino prevede la compilazione di una domanda (tentative-list) a cui stanno lavorando i Comuni assieme al Ministero, che contiene la descrizione accurata dei vari siti e che approderà in una vera e propria pubblicazione. Successivamente servirebbero approfondimenti scientifici e rilievi tecnici di tutti i monumenti archeologici inseriti per arrivare, alla fine, ad una vera e propria candidatura che verrà analizzata dai funzionari dell’Unesco, ai quali seguirebbero i rilievi degli ispettori.  Insomma, una strada articolata ma che, stavolta, pare verrà seguita con perseveranza dalle città coinvolte. Il volume verrà presentato il prossimo venti settembre in sala consiliare alla presenza di due funzionari dell’ufficio Unesco (Ferroni e Acampora) che si occupa delle candidature, della nuova soprintendente Dora Catalano, del sindaco Morini affiancato dal Delegato alla Cultura Fantini e dal responsabile di settore Agostini e dell’assessore alla Cultura del Comune di Amelia Proietti. Questo testo, curato dal direttore del Museo di Alatri Luca Attenni (tra i più ferventi fautori del progetto) e pubblicato da Valtrend editore, raccoglie gli interventi di eminenti studiosi che hanno partecipato all’iniziativa tenutasi ad Alatri a novembre 2019 e che, oltre ad essere il coronamento di un lavoro decennale di rafforzamento della conoscenza e della importanza delle mura poligonali, rappresenta anche il primo passo finalizzato a predisporre una richiesta congiunta di candidatura delle mura poligonali come Patrimonio dell’Umanità.

 

Andrea Tagliaferri

 

Parole Chiave - Tags
  •  

IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS