Aggiornato alle: 16:52 di Venerdi 13 Dicembre 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Alatri – L’Ambasciatore cubano presso il Vaticano in città

 ULTIME NOTIZIE
Alatri – L’Ambasciatore cubano presso il Vaticano in città
02 Dicembre
18:28 2019
Sua eccellenza Jorge Quesada Concepcion ambasciatore di Cuba presso la Santa Sede e Enrique Gonzales ministro consigliere, hanno fatto visita ieri alla Città di Alatri.

I due diplomatici accompagnati dalle loro consorti hanno accettato l’invito di Virgilio Pavia nipote di Monsignor Mario Tagliaferri: pronunzio apostolico morto a Parigi del 1999, ma che svolse l’opera diplomatica nell’isola caraibica nel periodo in cui di completamento di trasformazione dello stato dopo la rivoluzione castrista in in entità socialista. Nel corso della mattinata l’ambasciatore e gli altri componenti la delegazione diplomatica, prima sono stati ricevuti dal sindaco di Alatri ingegner Giuseppe Morini, da sua eccellenza il Prefetto dottor Ignazio Portelli, dal comandante della Compagnia dei carabinieri Maggiore Gabriele Argirò e dal comandante della Polizia locale dottor Dino Padovani con i quali si sono intrattenuti nella sala consiliare e dove c’è stato uno scambio di considerazioni sui rapporti tra Cuba e la Santa sede. Dopo la morte di Fidel Castro Cuba ha voltato pagina, ma il suo rapporto con il Vaticano è rimasto forte, collaborativo e in continuo dialogo. Basti ricordare l’incontro tra Fidel Castro e Giovanni Paolo II che chiese la fine dell’Embargo, cosa confermata poi da Benedetto XVI.

Nel colloquio tra Jorge Quesada, Enrique Gonzalese, Giuseppe Morini e Ignazio Portelli ne è uscito un quadro lineare dell’opera di distensione operata dal nunzio monsignor Mario Tagliaferri. L’ambasciatore Quesada ha inoltre ricordato che in occasione dell’85° anniversario delle relazioni ininterrotte tra Cuba e Santa Sede (Si era nel 1935 e al soglio papale c’era Benedetto XV ndr.) si continua ad avere buoni rapporti tra i due stati. Gli ospiti hanno ricevuto delle pubblicazioni della Città di Alatri e altro prima di visitare la collegiata di Santa Maria Maggiore, il Chiostro di San Francesco con il Cristo nel Labirinto, su consiglio del prefetto e soprattutto la cinta muraria dell’Acropoli. Di questo monumento sono rimasti affascinati tanto da dichiarare di tornare a visitare più capillarmente la Città di Alatri e le sue bellezze. L’ambasciatore ha inoltre dichiarato di voler continuare ad avere rapporti d’amicizia con la Città di Alatri complimentandosi per il decoro urbano e la pulizia.

Parole Chiave - Tags
LE PIU' LETTE