Aggiornato alle: 09:00 di 18 Agosto 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Alatri – La Certosa di Trisulti verso la gestione partecipata

 ULTIME NOTIZIE
Alatri – La Certosa di Trisulti verso la gestione partecipata
14 Giugno
15:29 2019
Questo l’obiettivo a lungo termine che si sono dati enti e associazioni riuniti ieri per la prima volta nell’affollata biblioteca comunale della cittadina ernica

Associazione Gottifredo e Comunità Solidali hanno chiamato a raccolta tutti coloro che hanno avuto un ruolo nella lunga fase di protesta contro l’assegnazione della Certosa all’associazione DHI tramite il bando ministeriale. A tutti questi si sono aggiunti anche altri soggetti che a breve confluiranno in una sorta di organismo collettivo che dovrà portare alla stipula di un vero Accordo Programmatico territoriale che metta alcuni paletti fissi al futuro della gestione del bene. Daniela Bianchi, Tarcisio Tarquini, Marco Maddalena tutti concordi su un fatto: bisogna vigilare sull’iter di revoca del Ministero e organizzarsi in funzione del futuro della Certosa facendo sì che le associazioni e chi ha combattuto fino ad oggi non resti escluso dal processo decisionale, al di là da chi gestirà concretamente il bene in futuro. Intanto come confermato anche dall’avvocato Felice Maria Spirito, uno dei due legali che ha seguito la vicenda per conto di Comunità Solidali, DHI farà legittimamente ricorso quindi la soluzione si prospetta abbastanza lunga e nel frattempo bisogna farsi trovare preparati per quando si avvierà un altro percorso, incidendo sulle decisioni future. Interessanti le proposte arrivate dalla platea con decine di richieste di intervento, segno dell’interesse evidente sulla questione. Turismo religioso e laico, formazione erboristica, studi sulla conservazione dei beni monumentali e sulle discipline legate ai testi antichi, natura e prodotti tipici, formazione universitaria…sono tutti i temi tirati fuori dai vari attori sociali o da privati cittadini. Fantini, Delegato cultura del comune di Alatri che ha ospitato l’evento, si è detto pronto a mettere in campo le forze dell’amministrazione sottolineando, al tempo stesso, l’impossibilità di ottenere risultati importanti senza il coinvolgimento di strutture ed enti di livello più ampio come la Regione e i Ministeri. Presenti, oltre a Comunità Solidali e Associazione Gottifredo e Comune di Alatri, anche Cammini di San Benedetto, Legambiente Frosinone, Associazione Sylvatica, Cai Alatri, Amici della Certosa di Trisulti e tanti altri che si sono dati appuntamento per riunioni operative a breve mentre per un resoconto “pubblico” ci si vedrà a settembre o, comunque, in autunno presso l’Università di Cassino che ha dato la propria disponibilità ad ospitare l’evento.

Andrea Tagliaferri

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE