Alatri – Deleghe e ricorso al Prefetto, la replica del Sindaco | TG24.info
Aggiornato alle: 15:32 di Venerdi 25 Giugno 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Alatri – Deleghe e ricorso al Prefetto, la replica del Sindaco

 ULTIME NOTIZIE
Alatri – Deleghe e ricorso al Prefetto, la replica del Sindaco
24 Settembre
14:10 2016

 

 

 

Riceviamo e pubblichiamo la replica della maggioranza comunale di Alatri sulla querelle delle Deleghe consiliari e del Presidente del Consiglio. Attacco a minoranze e giornalisti.

Non vogliamo tornare sulla questione, a nostro avviso già ampiamente trattata e risolta con risposte scritte e verbali in Consiglio Comunale. Quello che ci preme è stigmatizzare il comportamento assunto da queste minoranze nei confronti dell’Amministrazione Comunale intesa come istituzione. Esistono delle regole di democrazia, esistono delle leggi e dei regolamenti che vanno osservati e rispettati, non piegati maldestramente e strumentalmente alle proprie esigenze politiche, esiste soprattutto il rispetto delle forme, quando in campo Amministrativo  la forma diventa contenuto. Abbiamo dovuto abituarci  a leggere interrogazioni, mozioni ed interpellanze o richieste di convocazione del Consiglio, prima dalla stampa o dai social e solo successivamente dal protocollo del Comune che sarebbe l’unica via ufficiale.  Buon uso vuole che,  prima di dare pubblicamente notizia di un qualsiasi atto, di aver proceduto alla formalizzazione dell’atto stesso. Purtroppo per i nostri “amici”, non è così: preferiscono adottare la formula dell’agguato mediatico, complice qualche corrispondente locale compiacente. Addirittura oggi leggiamo di un “esposto alla Prefettura” come se il Prefetto fosse tenuto a ricevere i pretestuosi esposti  di cui noi,  pur direttamente interessati, non abbiamo avuto alcuna notizia ufficiale. Non sappiamo se tutto questo sia frutto di finezze forensi, della mentalità “luddista” di certo vecchio mondo sindacale, o più semplicemente di scorrettezza  istituzionale: sta di fatto che l’amministrazione  benché direttamente interessata da questo presunto esposto non ne sa nulla e apprende tutto questo solo e sempre dalla stampa! Ai consiglieri esponenti vorremmo ricordare che non è così  che si fanno le cose,  con tutto il rispetto ve lo abbiamo detto in diverse occasioni e anche  in questa ve lo confermiamo. Sovvertire l’ordine logico ed istituzionale di qualsiasi atto è solo   un evidente segnale  di debolezza e non di intelligenza politica.Essendo la questione delle deleghe ai consiglieri una prassi regolata dal regolamento comunale e finalizzata a nominare gli stessi quali collaboratori del sindaco su specifiche questioni, forse il motivo di tutto questo clamore, risiede nel dispiacere da parte dei rappresentanti della minoranza di non essere ricompresi tra questi“.

A.T.

Parole Chiave - Tags

 

IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS