Aggiornato alle: 17:33 di Venerdi 5 Giugno 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Alatri – Aumento canone per l’uso delle palestre comunali, la spiegazione dell’assessore

 ULTIME NOTIZIE
Alatri – Aumento canone per l’uso delle palestre comunali, la spiegazione dell’assessore
11 Agosto
20:57 2017
La polemica era stata aperta da Forza Italia con una nota stampa nella giornata di ieri.

Sull’aumento della tariffa oraria per le palestre, ovvero per i privati che ne chiedano l’uso, si comincia a far chiarezza. Intanto dall’amministrazione si conferma questa evenienza ma si fa di più, si cerca anche di spiegarne i risvolti e le motivazioni.

Questa decisione– ha dichiarato l’assessore alla Pubblica Istruzione Melissa Ritarossi- più che una eventualità è un atto dovuto e comunque di equità sociale. In effetti l’accesso al piano di riequilibrio non consente più al comune di Alatri di permettersi il “lusso di concedere” gli immobili comunali ad un prezzo calmierato. L’ultima stima del costo per il comune, fatta dai tecnici è di circa 20 euro/ora per manutenzione ordinaria e straordinaria, utenze e quant’altro. E’ quindi necessario adeguare le tariffe, ma soprattutto, oggi è necessario rendere maggiormente efficace l’azione dell’Ente anche nella gestione di questa attività. Il piano di riequilibrio impone infatti il ridimensionamento e addirittura la chiusura dei servizi che determinano una spesa per l’Ente, fatti salvi i sevizi definiti indispensabili dal quadro normativo vigente. Utilizzare le palestre scolastiche per attività che non rientrano nello specifico fine per cui sono state costruite e alle condizioni fino ad ora applicate è una spesa che non possiamo giustificare. Sia chiaro, con tutti i distinguo del caso e la possibilità, insita nella natura di avviso pubblico che emetteremo, di avere anche aspiranti concessionari, diversi da quelli conosciuti fino ad oggi, il comune di Alatri non può consentire un uso non istituzionale delle palestre scolastiche, senza quantomeno rientrare delle spese. Magari per i nostri amici di forza Italia sarebbe meglio un aumento generalizzato delle tasse su tutti, per garantire il privilegio di pochi?”. La dichiarazione si conclude, poi, con un invito alla collaborazione: “Stiamo chiedendo a tutti di fare uno sforzo di collaborazione, nell’individuare le possibilità di rendere il meno doloroso possibile il piano di riequilibrio. Per fare questo ciascuno deve fare la sua parte per quello che giustamente deve alla collettività. Ora non sappiamo se la determinazione effettiva della tariffa oraria sarà di 20 euro o di 15 o di 25, sta di fatto che i criteri che dovremmo adottare saranno incentrati all’equità sociale, alla correttezza normativa e all’utilità per l’Ente e quindi nell’interesse di tutti i cittadini di Alatri”.

A.T.

 

SOCIAL
LE PIU' LETTE