Aggiornato alle: 08:00 di Giovedi 27 Febbraio 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Alatri – Antismog, Lega: ”L’Ordinanza è un vero macigno per il commercio”

 ULTIME NOTIZIE
Alatri – Antismog, Lega: ”L’Ordinanza è un vero macigno per il commercio”
31 Gennaio
17:33 2020
La Segreteria Cittadina della Lega di Alatri chiede al Sindaco Morini di rivedere o di eliminare l’ordinanza con cui ha disposto il blocco totale del traffico sino al 31 Marzo 2020.

È impensabile che vengano limitati i diritti dei commercianti e venga bloccata una città per 2 mesi interi! Questo significa portare la città alla paralisi e al collasso. La già non brillante situazione per i commercianti è frustante se poi ci si mette la politica con provvedimenti del genere è ancor più mortificante! È impensabile restare ostaggi della propria città! Come fa una persona se deve raggiungere una città vicina a muoversi? Quanta gente lavora a Frosinone o si sposta per necessità? Il Sindaco di Alatri dovrebbe immediatamente ripensare al suo provvedimento; è vero che l’inquinamento dell’aria è un fattore da non sottovalutare, ma occorre che i dati su cui ci si basa siano reali e non fatti sulla media di periodi precedenti, soprattutto dati che non tengono conto della situazione reale del territorio, essendo la centralina di Bitta la più esposta al traffico e all’inquinamento. Caro sindaco occorre che le ordinanze, che di per se sono limitative di interessi e diritti, vengano prese su una seria base scientifica e non su stime, ma soprattutto occorre che questa venga presa per intervenire dove serve!

Aggiunge il Consigliere Comunale della Lega, Roberto Addesse:

Proponiamo quindi che l’Ordinanza venga rimodulata andando a prevedere anziché un blocco totale del traffico il sistema delle targhe alterne per non più di due giorni feriali a settimana cosi come disposto dalla normativa e dall’art. 23 comma 4 o comunque un blocco solamente parziale anziché totale, cosi come chiediamo un impegno fattivo del Comune nel contrastare l’inquinamento mediante un constante e periodico lavaggio delle strade per abbassare i livelli di polveri sottili nell’aria. Successivamente, per avere una situazione più attenta della Città e un monitoraggio più reale e puntuale invitiamo il Sindaco e l’intera maggioranza a prendere in considerazione l’istallazione, sull’intero territorio, di centraline moderne; nuovi sistemi Smart che permettono di avere un rilevamento istantaneo, con uno scarto di un solo secondo, superando il sistema dell’Arpa che invece basa le proprie stime su una media dei periodi precedenti, introducendo cosi un metodo scientifico e preciso che ci permette di poter intervenire lì dove serve davvero, preservando e tutelando i diritti dei commercianti e dei cittadini nei loro spostamenti. In più queste nuove centraline permettono di essere costantemente aggiornati sullo stato delle polveri sottili, anche mediante un APP sul telefonino! In questo modo ogni cittadino può vedere e capire la situazione attorno a se ed essere tutelato anche da un punto di vista del diritto all’informazione. L’importanza di questi nuovi dispositivi, inoltre, permette anche di rilevare agenti inquinanti che l’attuale centralina di Alatri non riesce a rilevare, come le PM2.5, il particolato e la Co2. Il fenomeno dell’inquinamento purtroppo dipende da molteplici fattori e forse quello più rilevante è quello da riscaldamento pari circa al 60%, così come appurato da uno studio dell’ISPRA, considerato l’alto valore impattante delle biomasse. Sarebbe utile che venissero studiati dei sistemi che incentivino il ricambio delle caldaie con nuovi sistemi più ecologici.

A.T.

Parole Chiave - Tags
SOCIAL
LE PIU' LETTE