Aggiornato alle: 18:42 di Lunedi 3 Agosto 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

AGGIORNAMENTO VIDEO Frosinone – Sfruttamento della prostituzione, sei arresti (video)

 ULTIME NOTIZIE
27 Luglio
13:13 2020

 

 

 

Smantellata organizzazione criminale dedita allo sfruttamento della prostituzione sull’ “asse attrezzato”.

Sei le persone arrestate dagli agenti della squadra mobile. L’inchiesta è stata avviata nel dicembre del 2019 quando un macedone di 27 anni venne colpito da un proiettile alla testa, sparato a bruciapelo da un albanese. Il fatto avvenne davanti al locale “Il paninaro” sulla Monti Lepini. Quel comportamento così violento aveva insospettito non poco gli agenti della squadra mobile che hanno avviato le indagini. E proprio da queste è emerso un sodalizio criminoso dedito allo sfruttamento della prostituzione. Il macedone colpito, si è poi scoperto in seguito, era il capo di una organizzazione che gestiva tutta la rete della prostituzione dell’ “asse attrezzato”. Ogni postazione delle meretrici aveva un suo costo. Coloro che ne volevano usufruire dovevano pagare intorno alle 500 euro mensili. Mentre l’esclusiva “a tempo indeterminato” era intorno agli 8.000 euro.

Dalle indagini è emerso che il macedone era stato raggiunto dal colpo di pistola perché aveva deciso di spostare una prostituta, fidanzata dell’albanese, in un altro posto. Questo perché doveva arrivare un’altra ragazza, più bella, che avrebbe fruttato di più all’organizzazione. Da lì il ligio è sfociato nella tragedia. Singolare è che, nonostante il capo fosse rimasto per mesi in coma, l’organizzazione malavitosa è andati avanti. A prendere le redini era stato il fratello 21enne che, insieme alla fidanzata del macedone, avevano continuato l’attività di meretricio. A questo va aggiunto che la donna, una rumena, aveva prelevato tutti i soldi dell’organizzazione e trasferiti in un altro istituto di credito del nord italia. Grazie all’attività di indagine svolta dagli agenti della squadra mobile, agli ordini del dirigente Flavio Genevosi, è stato dato un duro colpo all’organizzazione criminale. Da indiscrezioni trapelate l’operazione che si chiama “Uti Dominus” non è ancora conclusa.  Gli investigatori stanno effettuando ulteriori indagini per smantellare tutta la rete.

Mar.Ming. 
Nel video le dichiarazioni del Questore Biagioli e del Dirigente Genovesi

LEGGI ANCHE:

ULTIM’ORA Frosinone – Sfruttamento della prostituzione, sgominato sodalizio criminale

Parole Chiave - Tags
SOCIAL
LE PIU' LETTE