Aggiornato alle: 20:00 di Mercoledi 12 Agosto 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Sora – Sportello Acea: minacce, insulti ed un’operatrice ferita

 ULTIME NOTIZIE
Sora – Sportello Acea: minacce, insulti ed un’operatrice ferita
03 Luglio
01:00 2015

 

 

 

 

Insultati, minacciati ed infine anche aggrediti. E’ accaduto presso l’ufficio di Soraeque, la società cooperativa che si occupa dell’assistenza agli utenti in materia di gestione idrica e che è ubicato nella centralissima piazza Mayer Ross. Lo sportello aveva chiuso già da qualche minuto. (r.p.)


 

<Ad un certo punto – racconta una delle operatrici -, è entrato un uomo che con fare minaccioso ha preteso che sbrigassimo la sua pratica. Noi gli abbiamo chiesto gentilmente di passare all’indomani perchè l’ufficio era già chiuso>. Ed è stato a quel punto che si è scatenato l’inferno: <Ha iniziato a gridare e ad insultarci tutti, prima. Poi dalle parole è passato ai fatti. Ed è stato in quel momento che ha afferrato con violenza per un braccio una ragazza e l’ha strattonata malamente facendola cadere a terra>. La donna, una delle operatrici, ha avuto prima una crisi di panico poi ha perso i sensi. L’uomo intanto è fuggito di corsa dall’ufficio ed è entrato nella sua vettura facendo perdere le sue tracce. Ma qualcuno ha annotato la targa della macchina. Nel frattempo mentre la giovane donna ferita è stata trasportata al pronto soccorso del SS. Trinità ospedale dai familiari, preoccupati e scioccati per l’accaduto, altri hanno segnalato il fatto alle forze dell’ordine. La donna non è in gravi condizioni ma sono stati effettuati tutti gli accertamenti. Sono stati informati sia i vigili urbani che i Carabinieri della stazione di Sora e sono stati avviati tutti gli accertamenti. <Siamo sfiniti. Non ne possiamo più. Lavorare sta diventando difficile perchè la gente è esasperata e si sfoga con noi. Noi, a nostra volta, cerchiamo di fare il possibile ma a volte non ce la facciamo. Non è la prima volta che si verifica un episodio del genere ed iniziamo ad avere paura perchè la rabbia cresce e la gente è diventata intollerabile e non sente ragioni. Perchè ogni tanto non fanno passare una pattuglia? Ci sentiremmo molto più sicuri. Abbiamo davvero timore che possa accadere il peggio>.

Roberta Pugliesi

(foto di repertorio)

Parole Chiave - Tags
SOCIAL
LE PIU' LETTE