Aggiornato alle: 13:01 di Mercoledi 24 Maggio 2017
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Sora – Omicidio Palleschi: aggressione a De Cristofano, solidarietà dai colleghi

Sora – Omicidio Palleschi: aggressione a De Cristofano, solidarietà dai colleghi
30 ottobre
15:29 2015

 

 

 

 

Il presidente della Camera Penale del tribunale di Cassino, l’avvocato Eduardo Rotondi e il vice presidente l’avvocato Oreste Cifalitti, in un comunicato stampa esprimono la loro solidarietà all’avvocato De Cristofano, difensore di Antonio Palleschi aggredito giovedì sera, dopo la sentenza di condanna all’ergastolo emessa dal Gup di Cassino.

<Non siamo disposti a lasciare in decadenza il principio costituzionale del diritto alla difesa>, hanno dichiarato i due avvocati. Intanto, sempre questa mattina, l’Avvocato Giuseppe di Mascio, Presidente del Consiglio dell’Ordine Forense di Cassino, ha diffuso una lettera per esprimere anche lui a nome dell’ordine solidarietà a De Cristofano, difensore di Antiono Palleschi. Di seguito il testo: “Cari Colleghi – inizia la letteralettera – nella giornata di ieri, 29 ottobre, il GUP, presso il Tribunale di Cassino ha comminato la pena dell’ergastolo per l’imputato accusato dell’omicidio di Gilberta Palleschi. A nome dell’intero Foro esprimo la piena solidarietà al Collega Antonio De Cristofano, difensore dell’imputato, oggetto di una vile aggressione verbale, intrisa di urla intimidatorie ed ingiuriose, rivolte nei suoi confronti all’esito della lettura del dispositivo, tanto da costringerlo ad allontanarsi dal Tribunale da un’uscita secondaria e scortato da un agente di polizia penitenziaria. Quella Giustizia, invocata per ottenere la condanna dell’imputato, è stata calpestata ed irrisa proprio da coloro che si sono resi autori di una simile vergognosa aggressione. L’affermazione della Giustizia, infatti, non può prescindere dal Ministero dell’Avvocato che attua il diritto di difesa riconosciuto e tutelato dall’art. 24 della Costituzione. Limitare la libertà morale dell’Avvocato – conclude la lettera – costituisce una pericolosa violazione dei principi fondamentali posti a salvaguardia dei diritti della persona“.

La redazione

Tags
SOCIAL

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE