Aggiornato alle: 10:04 di Mercoledi 24 Maggio 2017
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

TG24.info Rubriche

Musica – Morto il rocker Chris Cornell, icona del Grunge

Musica – Morto il rocker Chris Cornell, icona del Grunge
19 maggio
15:29 2017
Il fantastico concerto e poi la tragica notizia.

Stando alle dichiarazioni dei fortunati presenti dell’ultimo concerto di Chris Cornell, quella sera il rocker aveva chiuso il concerto con la canzone dei Led Zeppelin “In my time of dying” – ” il mio momento di morire” e aveva detto in un seguente momento: “Non so come spiegare alla gente quanto sia bello il pubblico di Detroit, mi dispiace per la prossima città”. Parole che, a posteriori, lasciano ovviamente intendere le sue intenzioni. Nient’altro oltre questo poteva tradirlo per far capire ciò che avrebbe fatto dì lì a poco, dopo l’impeccabile concerto tenutosi a Detroit, negli USA, nella serata del 17 Maggio scorso.
Chris Cornell si è tolto la vita impiccandosi nella sua stanza d’albergo a Detroit la notte tra il 17 e il 18 Maggio scorso, mentre era in tour con la sua storica band i “Soundgarden“. A fare la tragica scoperta è stato un amico dell’artista e ad annunciare alla stampa la morte del rocker è stato il suo agente, definendo il suo gesto “improvviso e inaspettato”. La moglie Vicky e i tre figli sono sotto shock.
Christopher Boyle, in arte Chris Cornell, 52 anni, è nato a Seattle così come il Grunge, il genere rock che lo ha fatto conoscere e amare da milioni e milioni di persone. La sua carriera ebbe inizio nei Soundgarden, formatisi nel 1984 e scioltisi nel 1997, poi riunitisi nel 2010. Il suo nome è legato anche al gruppo grunge Temple of the Dog. Dal 2001 al 2007 ha formato, assieme ad alcuni ex componenti dei Rage Against the Machine, il gruppo Audioslave, di cui è stato il cantante solista.
Chris Cornell con il suo gruppo storico, i Soundgarden, ha letteralmente segnato e scritto la storia del Grunge, rock ruvido, malinconico e graffiante, nato a Seattle proprio grazie a loro, ai Pearl Jam e ai Nirvana.
Da ieri, dopo la scomparsa dell’artista, il Sound Garden, una struttura realizzata da Duglas Hollins che si trova nel Seattle Park e che ispirò il rocker per dare il nome al gruppo, viene continuamente ricoperta di composizioni floreali da parte dei fans e di tutte le persone che l’hanno amato.

Angelica Buccitti

(foto:web)

 

Tags
SOCIAL

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE
Alessandro Andrelli 6 ore ago
Il Termocombustore di San Vittore del Lazio potrebbe accogliere i rifiuti di Roma. Con una comunicazione ufficiale pubblicata sul bollettino ufficiale della Regione Lazio del 23 maggio 2017 si rende n…
Redazione 3 8 ore ago
Cani antidroga e una trentina di poliziotti stanno perquisendo cantine ed alcuni appartamenti situati nel plesso popolare 'i tre palazzoni' nel quartiere San Bartolomeo. I cani sono in cerca di droga.…
Redazione 3 7 ore ago
L’Associazione di consumatori, Movimento Difesa del Cittadino,  dopo aver  contribuito a riaccendere i riflettori mediatici sulla questione dell’ex-discarica di via Le Lame fin dall’Agosto 2013,[...] …
Alessandro Andrelli 6 ore ago
Angelo Capogna,  l'imprenditore  di 43 anni   di Boville  Eernica   ha scatenato  con le sue dichiarazioni, un vero e proprio terremoto  in  terra  marsicana. Nei giorni  scorsi  ll gip  della  procur…
Redazione 3 6 ore ago
Il 19 maggio si sono radunati in una affollata aula dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale i maggiori esperti italiani del diritto alla privacy per discutere dei problemi e delle opportuni…