Aggiornato alle: 23:59 di 23 Luglio 2017
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Frosinone – Volontario di una associazione umanitaria scambiato per posteggiatore abusivo

Frosinone – Volontario di una associazione umanitaria scambiato per posteggiatore abusivo
19 maggio
15:01 2017

 

 

Volontario di una associazione umanitaria viene scambiato per un posteggiatore abusivo. In realtà, invece, l’uomo con i soldi che gli davano gli automobilisti raccoglieva denaro per garantire un pasto alle famiglie più bisognose.

<Adesso informo la Finanza di quello che sta facendo>. Questo si era sentito dire Massimo Giardino, un uomo di 60 anni quando in un cortile adiacente al liceo scientifico Severi di Frosinone si era improvvisato posteggiatore facendosi dare agli automobilisti che volevano beneficiare del servizio, un euro. Ma a qualcuno questo comportamento non è piaciuto ed ha cominciato ad inveire contro l’uomo facendogli capire tra le righe, che costui era soltanto un impostore. Ma da accertamenti effettuati in tal senso l’automobilista diffidente si è dovuta ricredere. Massimo Giardino infatti è un volontario della Fondazione <Le rose del giardino blu> una onlus fondata da don Ermanno D’Onofrio, il missionario frusinate che da anni si occupa delle fasce più deboli della società.

In realtà quel posteggiatore abusivo raccoglieva il denaro per poter offrire la colazione al mattino a bisognosi che sistematicamente bussano alla porta dell’associazione umanitaria. <Sono 450 – ha detto il volontario– le famiglie meno abbienti che aiutiamo regalando loro pacchi di viveri e vestiario. E se per qualcuno un euro rappresenta una cifra insignificante, per noi che ci prodighiamo per il prossimo, rappresenta un un pasto al giorno, assicurato>.

Mar. Ming.

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE