Aggiornato alle: 23:57 di Giovedi 25 Maggio 2017
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Frosinone – Polveri sottili e inquinamento, Ambrosiano: “Ora vere misure di contrasto”

Frosinone – Polveri sottili e inquinamento, Ambrosiano: “Ora vere misure di contrasto”
19 maggio
20:01 2017

 

 

Un’accelerata sulle misure di contrasto all’inquinamento ambientale, in particolare sulle polveri sottili. Dopo le contestate dichiarazioni del Ministro Lorenzin a Frosinone sulla situazione della Valle del Sacco, Gaetano Ambrosiano (esponente di Art1. Democratici e Progressisti e candidato nel listino a sostegno di Fabrizio Cristofari alle elezioni) chiede studi approfondimenti sulla situazione ambientale e sanitaria del territorio, oltre a provvedimenti immediati sulle polveri sottili:

«Il dovere della politica in chi ne esercita la funzione è informare in modo corretto perché chi copre ruoli istituzionali ha il dovere di intervenire per migliorare le cose. È un servizio sociale in piena regola. Se poi c’è chi strumentalizza ad arte per finalità partitiche allora non so che dire – dice Ambrosiano –  Per capire e stabilire le cause dell’aumento delle persone morte per cause da inquinamento saranno necessari mesi di analisi, confronti e verifiche. L’emergenza legata all’inquinamento atmosferico si è inoltre intensificata negli ultimi anni, per le quali non ci sono ancora dati definitivi come ha chiarito la stessa Istat in un suo comunicato. Per cui attenzione a dichiarare verità su problematiche abbastanza delicate correndo il rischio di non arrivare alla procedura corretta di quelli che saranno i termini di interventi per soluzioni riguardanti la qualità della vita. Il consenso politico non si ottiene ne con promesse elettorali basate sul nulla e nè creando allarmismi facendosi così paladini di soluzioni che sulla carta,parlo delle cause, non possiedono i termini concreti e reali per quello che concerne un indagine conoscitiva territoriale. Per questo si deve avere coraggio di affrontare il problema delle polveri sottili nella città con soluzioni a volte e forse impopolari ma necessarie per ristabilire un percorso di miglioramento sulla qualità dell’aria. Occorre una nuova figura di operatore ecologico ed istituire un servizio di pulizia delle strade, dei parcheggi e delle aree verdi, con l’obiettivo di contenere la diffusione di polveri sottili e di garantire una maggiore pulizia delle superfici perché una delle cause maggiori delle polveri sottili è la risospensione delle stesse al passaggio degli autoveicoli. Perché da ricerche effettuate il 10% viene prodotto dai gas di scarico ma per un valore compreso tra il 40 ed il 50% la produzione delle polveri sottili viene prodotta dal passaggio dei veicoli. Proponiamo quindi un progetto di diverse soluzioni volte a ridurre il traffico stradale e la mobilità della città: come allestimenti di un parcheggi con servizio navetta, giornate ecologiche, “zone verdi” riqualificazione urbana. Diminuendo il traffico stradale tramite aree pedonalizzate, miglioramento dei servizi pubblici tramite veicoli elettrici in corsie preferenziali così da permettere il passaggio anche nelle aree pedonalizzate con collegamenti ai parcheggi ma resta sempre fondamentale una corretta sensibilizzazione della popolazione. Questo se vogliamo un vero e reale intervento su di un problema che ci coinvolge tutti ma dico tutti direttamente. Al di là delle cose che leggiamo sui giornali, per un reale cambiamento che aspettiamo da 20 anni, dobbiamo dare un cambio di passo nell’amministrazione della città ed il cambiamento passa non nelle parole lette questi giorni sui giornali ma in un progetto ed un cambio culturale ed amministrativo nella politica del capoluogo dove l’amministrazione Ottaviani ci dimostra di non essere immune nel vizio di forma di una vecchia politica fatta di marciapiedi e lampadine»

Tags
SOCIAL

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE