Aggiornato alle: 16:31 di 20 Gennaio 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Editoriale – Sora, lo show della maggioranza è una “tragedia degli orrori”

 ULTIME NOTIZIE
Editoriale – Sora, lo show della maggioranza è una “tragedia degli orrori”
16 Dicembre
15:30 2018

 

 

 

 

 

 

(di Alessandro Andrelli) “Fare teatro è illuminare una scatola nera” diceva tempo fa Joël Jouanneau e, poiché Sora più nera di così non è mai stata, a De Donatis non resta altro da fare che trasformare il palazzo comunale in un grande palcoscenico. Negli ultimi due anni e mezzo, i sorani ne hanno viste tante ma, al “giro di boa” della peggiore amministrazione che la città ricordi a memoria d’uomo, i cittadini sono stati spettatori dell’inverosimile.


“Uno, nessuno e centomila”
De Donatis, sindaco di Sora, decide di superare se stesso e tutte le performance del passato (conferenze stampa incluse), dando vita alla più grande “sceneggiata politica” mai vista. I fili luminosi, posizionati a mo’ di sipario sulla facciata dell’ingresso principale del Comune (vedi foto), sono la giusta coreografia per “l’arlecchinata” che giovedì scorso (13 dicembre) ha visto mettere in scena l’inverosimile (leggi qui).  
Una sfilza di faldoni posizionati sugli scranni dell’opposizione (tutti allineati ed etichettati!!! – vedi foto a lato), tante chiacchiere a sorvolare ciò che è meglio non far sapere e “sghignazzamenti” vari (dimostrazione di chi sta amministrando Sora!!!) sono i protagonisti della più grande “cafonata politica” inscenata dalla notte dei tempi. Bassissimo il livello (oramai la scialuppa civica è completamente insabbiata negli abissi più profondi!),a fronte di una realtà che lascia senza parole e che vede Sora completamente allo sbando. Così, se da una parte la città ascolta le auto acclamazioni dell’attuale maggioranza con sindaco e Bruni tanto impegnati a “teatreggiare” (come gli piace dirsi bravi da soli!!!) su opere al momento immaginarie, dall’altra parte Sora giace in ginocchio per i nuovi mutui contratti (tanti i debiti in questi 12milioni di cui tanto si è vantato De Donatis!!!), per le luci spente ovunque senza soluzione imminente, per le strade a pezzi (ci mancava solo la fibra a tagliare e non riparare correttamente!), per l’immondizia abbandonata tra i cigli, per il degrado spadroneggiante ed i tantissimi problemi irrisolti che al massimo restano appuntati su un foglio bianco dal sindaco in persona. Persino gli alberelli piegati dal brutto tempo poco prima del 6 novembre (leggi qui) restano ancora a terra (foto) su via Matteotti senza che nessuno abbia pietà.
E se la città sembra fatta oramai solo di favelas argentine, gli uffici comunali cadono a pezzi per un’organizzazione squassata che, dopo due anni e mezzo, proprio non va. L’opera prima (ci stanno ancora lavorando… ma non sono ancora pronti!!!) della piattaforma civica resta un flop così grande da divenire imbarazzante. Così, diventa normale vedere deliberazioni dell’8 agosto pubblicate sull’albo online il 13 dicembre, atti sbagliati a ripetizione, personale assegnato di qua che invece lavora di là e “sostituzioni strategiche” che proprio si dovevano fare. Il minimo viene raggiunto, poi, a fronte di quanto sarebbe stato affermato dal segretario generale. Si dice che, durante una riunione con i sindacati, la dottoressa Saccoccia avrebbe dichiarato l’inesistenza di ricorso in Cassazione per la sentenza di reintegro degli LSU, assicurando contestualmente che alla stessa sarà data esecuzione. Se quanto riferito fosse vero, la volontà del segretario contrasterebbe completamente con le dichiarazioni rilasciate dal sindaco alla stampa il 27 novembre scorso. Nell’articolo infatti il primo cittadino testualmente afferma “Ma è altrettanto vero che quanto contenuto all’interno della sentenza riporta ad importanti e fondati motivi che inducono l’amministrazione a predisporre un ricorso in Cassazione perché qualora non lo facessimo si creerebbero i presupposti per un eventuale danno erariale”.
Eppure i sorani, tra debiti e non, hanno faldoni per 12 milioni di euro. Dispiaciuti fino all’inverosimile, noi possiamo dire che, fino ad oggi, ci sono i 6 zeri (sicuramente anche di più!!!), per il resto solo auto applausi ed auto elogi.
“Show must go on!!!”, peccato per Sora che “la rappresentazione” sia una tragedia e sia dell’orrore!!!
Alessandro Andrelli

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE