Aggiornato alle: 22:25 di 22 Gennaio 2017
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Ceprano – Ordinanza qualità aria, Galli: “Una decisione inevitabile”

Ceprano – Ordinanza qualità aria, Galli: “Una decisione inevitabile”
05 gennaio
18:01 2017
A distanza di ventiquattro ore dalla firma sull’ordinanza che fissa le domeniche ecologiche, provvedimenti restrittivi per quanto riguarda condomini e fabbricati commerciali e un periodo di circolazione con le targhe alterne, abbiamo raccolto delle dichiarazioni da parte del sindaco Marco Galli, per cercare di capire anche come si muoverà il comune e se potrebbero esserci altri provvedimenti per il futuro.

Galli spiega prima di tutto che cosa lo ha portato a prendere questa decisione: <Frosinone, secondo gli ultimi dati a livello nazionale, risulta essere la seconda città più inquinata dopo Torino. La presenza di pm10 ha raggiunto livelli record. Ceprano è classificata in classe 1, con dati solo leggermente inferiori a quelli del capoluogo, con la situazione che è dunque delicata anche per quanto riguarda la nostra realtà>. Il sindaco entra nel merito delle decisioni che sono state prese: <Non è stato semplice scegliere come muoversi, anche perché parliamo di restrizioni che riguardano  la vita di tutti i giorni, di coloro che abitano e vivono nella zona interessata dal blocco totale e dalle targhe alterne. Per ora le decisioni sono queste. Nei prossimi giorni valuteremo con l’assessore al ramo e con i tecnici quali potranno essere i tempi e i modi per monitorare la situazione e per vedere se ci sarà un miglioramento nella qualità dell’aria>. Galli, in conclusione, spiega che non esclude anche un inasprimento delle misure nel caso la situazione non migliorasse: <E naturale che se i valori di polveri sottili non dovessero migliorare potremmo anche decidere di inasprire i provvedimenti attuali, anche poi in considerazione che da marzo in poi l’aria è quasi sempre più inquinata. E non parlo soltanto di più giorni con le targhe alterne o blocchi più frequenti, ma di limitazioni nella lavorazione di industrie le cui emissioni nell’aria rappresentano purtroppo una bella fetta dei veleni che respiriamo ogni giorno>. CAP

 

Tags
SOCIAL

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE