Aggiornato alle: 13:01 di Mercoledi 24 Maggio 2017
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Alatri – Prima domenica ecologica tra polemiche e sforzi comunicativi

Alatri – Prima domenica ecologica tra polemiche e sforzi comunicativi
07 gennaio
14:30 2017
Tra l’irritazione di molti e la soddisfazione di altri, si apre l’8 gennaio la serie di blocchi totali alla circolazione previsti nell’ordinanza di fine dicembre per contrastare l’inquinamento atmosferico. Ecco riassunte le principali novità da seguire.

alatri3Era evidente che una ordinanza così restrittiva facesse montare la polemica in parte della popolazione. Però alcune volte bisognerebbe capire cosa si preferisce e quali siano le priorità. Siamo sempre tutti allarmati, infatti, per il costante aumento dell’inquinamento e delle patologie conseguenti, che nella nostra provincia e anche ad Alatri sono ormai acclarati. Però quando ci impongono modifiche al nostro stile di vita, anche minimo, siamo tutti pronti a scendere sul piede di guerra. Il Comune del resto ha dovuto passare al contrattacco perché nel 2016 sono stati superati per circa 35 volte i limiti imposti dalla legge, registrati dalla tanto contestata Centralina di rilevamento di “Bitta” che ormai è certo essere una delle principali cause del problema trovandosi nel punto più congestionato e inquinato della città.

Questo blocco totale si ripeterà per 5 domeniche, fino al 5 marzo, ma l’ordinanza prevede moltissime altre azioni, come le targhe alterne dal 01.03.2017 al 31.03.2017, applicate nell’area urbana interna, circoscritta dalle seguenti strade: S.R. 155 (all’intersezione con Via Aldo Moro, con Via Porta San Nicola ) Via Provinciale, a partire dall’intersezione con Via della Stazione, Via Madonna della Sanità ( che resta percorribile fino all’intersezione con Via del Giardino ), S.P. XII Marie, ( dall’inizio di Via Corsa dei Cavalli ). In particolare si tratterà di divieto di circolazione a targhe alterne per tutti i veicoli a combustione interna ad uso privato nei giorni di martedi e giovedì dalle ore 09.00 alle ore 12.30 e dalle 14.00 alle ore 20.00, consentendo la circolazione nei giorni di martedì ai soli veicoli con targa dispari e nei giorni di giovedì ai soli veicoli con targa pari. In deroga a tale disposto sulle targhe alterne, a prescindere dalla targa pari o dispari, potranno circolare le seguenti categorie di veicoli:

1) veicoli a trazione elettrica ed ibridi;

2) veicoli alimentati a metano e g.p.l;

3) autoveicoli ad accensione comandata ( benzina ) EURO 6;

4) autoveicoli ad accensione spontanea ( diesel ) EURO 6;

5) autoveicoli, muniti di autorizzazione in deroga, rilasciata dal Comando di Polizia Locale

per esigenze particolarissime ed eccezionali.

 

alatri2Altro provvedimento, già valido dal 20 dicembre e fino al 31.03.2017, sempre valido nell’area

urbana interna su citata, è quello del divieto di circolazione per mezzi inquinanti. In particolare:

nei giorni feriali, dal lunedi al venerdi, dalle ore 09.00 alle ore 13.00 e dalle ore 16.00 alle

ore 19.00, è vietata la circolazione agli autoveicoli con caratteristiche emissive Euro 0

benzina, Euro 1 benzina e precedenti; nei giorni feriali, dal lunedi al venerdi, dalle ore 09.00 alle ore 13.00 e dalle ore 16.00 alle ore 19.00, è vietata la circolazione agli autoveicoli con caratteristiche emissive Euro 1

diesel, Euro 2 diesel e precedenti; è vietata la circolazione ai ciclomotori e motoveicoli con caratteristiche emissive Euro 0 quattro tempi ed ai ciclomotori e motoveicoli Euro 1 due tempi e precedenti.

alatriVa comunque riconosciuto all’amministrazione comunale un notevole sforzo nella massima diffusione di queste informazioni, attuata oltre che con cartelli e manifesti e comunicati ai giornali, anche con i nuovi canali telematici, in particolare il sito del comune ma anche e soprattutto la pagina Facebook del Comune di Alatri sulla quale personale addetto risponde, e questa è una novità, a qualsiasi domanda in breve tempo, a volte dando anche risposte a polemiche che non hanno certamente il fine di fare o avere informazione. Sul sito e su Facebook sono state pubblicate tra l’altro tabelle e grafici con percorsi alternativi e indicazioni pratiche per venire incontro alla popolazione. Forse in futuro si potrebbe puntare, scovando opportuni finanziamenti regionali o alternativi, su un sistema integrato di comunicazione pubblica fatto con innovativi pannelli elettronici come hanno fatto moltissime altre città anche vicine. Questa idea, tra l’altro, potrebbe essere già contenuta nel progetto che l’assessore Santoro sta tentando di farsi finanziare dalla Provincia con fondi regionali e di cui a breve sapremo i dettagli.

 

Andrea Tagliaferri

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE