Aggiornato alle: 00:03 di Lunedi 27 Febbraio 2017
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Alatri – Emesse le condanne sportive del derby di calcio con l’Anagni

Alatri – Emesse le condanne sportive del derby di calcio con l’Anagni
11 gennaio
18:13 2017
Condannate le due società per i comportamenti dei propri tifosi ed interdetto per quasi un mese un dirigente dell’Anagni.

La partita che domenica scorsa ha visto scontrarsi, non solo in campo ma anche sugli spalti, Alatri e Anagni con le due tifoserie cariche da giorni per il confronto diretto e alla quale erano seguite molte polemiche tra le parti, ha segnato una tappa ufficiale, quella della giustizia sportiva che poche ore fa ha emesso le proprie sentenze. Colpevoli entrambe le tifoserie, condannate le società ma anche un dirigente dell’Anagni.
Alla società anagnina, a causa del comportamento dei propri sostenitori, come recita la sentenza, che prima dell’inizio della gara e nel corso del primo tempo hanno acceso fumogeni lanciandoli sul terreno di gioco, cosa che aveva portato l’arbitro a dover sospendere la gara per ben due volte, oltre all’esposizione di striscioni offensivi nei confronti della tifoseria avversaria, viene elevata una multa di 500€. Inoltre, il giudice sportivo ha condannato il dirigente anagnino Diego Tomassi all’inibizione da ogni attività sportiva fino al 3 febbraio 2017 “per aver compiuto un gesto offensivo nei confronti della tifoseria avversaria a fine gara”. Pene anche per la società alatrense, condannata a 1.500 € anche in questo caso per colpa del comportamento dei propri tifosi che all’inizio della gara e in più occasioni durante la stessa accendevano fumogeni sugli spalti, lanciavano oggetti in campo anche se “non colpivano alcuno” come dice il verbale del giudice sportivo. I sostenitori dell’Alatri, tra l’altro, sono colpevoli di aver esposto striscioni razzisti e di aver fatto esplodere un petardo vicino la panchina che avrebbe stordito un calciatore della riserva che si sarebbe fatto anche fare accertamenti sanitari. Un altro petardo lanciato vicino la panchina- secondo il giudice- è esploso fortunatamente senza conseguenze per nessuno. Insomma una triste giornata non tanto di sport quanto di inciviltà che non è finita peggio anche e soprattutto per la presenza degli Agenti di Forza Pubblica (Carabinieri ndc) e che speriamo non si ripeta in futuro.

Andrea Tagliaferri

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE