Aggiornato alle: 13:01 di Mercoledi 24 Maggio 2017
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Alatri – Derby contro Anagni, la versione delle Forze dell’Ordine e della dirigenza verde rosa

Alatri – Derby contro Anagni, la versione delle Forze dell’Ordine e della dirigenza verde rosa
08 gennaio
20:30 2017
Secondo i Carabinieri di Alatri e la Dirigenza della squadra di casa la partita ha visto momenti delicati per la tifoserie ma in fin dei conti è stata una normale partita di calcio molto sentita tra città vicine e concorrenti.

Quella di domenica al Chiappitto non è certamente stata la migliore giornata di calcio e sport che si sia mai registrata ma stando alle dichiarazioni di Forze dell’Ordine e delle dirigenza dell’ AS Città di Alatri, neanche così tremenda e violenta come la dipingono gli avversari. Certo la tensione era evidente fin dai giorni precedenti. La partita era stata caricata di significati che vanno ben al di là del gioco e dello sport, con le due tifoserie che già sui social si davano “appuntamento” ad Alatri per chissà quale resa dei conti. In effetti momenti di tensione pare ce ne siano stati ma non peggio di altre partite molto sentite. Al di là di qualche lancio di petardo e fumogeno, sui quali i Carabinieri della Stazione di Alatri che hanno svolto il servizio di Ordine Pubblico stanno indagando assieme ai colleghi degli altri Nuclei per capire a chi siano partiti, non c’è stato contatto tra le due tifoserie, proprio grazie al servizio coordinato dal Comando di Stazione dei Carabinieri e all’attività info investigativa che ha preceduto l’evento sportivo.
I filmati in questo aiuteranno ed eventuali responsabilità che dovessero essere individuate porteranno a denunce ed eventualmente ai Daspo come prevedono le norme.
Dal fronte della Dirigenza della AS Città di Alatri si condanna certamente il comportamento di parte del pubblico e della tifoseria, sottolineando al tempo stesso, però, che gli insulti, gli striscioni e i fumogeni arrivavano anche dai tifosi anagnini e che, quindi, se responsabilità ce ne sono, vanno cercate in entrambi gli schieramenti. Ribadiamo, comunque, che è inconcepibile che una partita di calcio o di qualsivoglia sport, diventi la scusa per dare sfogo alle proprie frustrazioni o per vendette ed altri gesti che con lo sport e i suoi principi non c’entrano nulla. Tolleranza zero, sono anni che se ne parla ed è bene che la si attui sempre e comunque.
A.T.

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE